Discussion:
7052.10 netcontrol N°1 I2ZGC dal sito di IRAE 2
(troppo vecchio per rispondere)
turbolento
2006-05-10 20:18:38 UTC
Non sono nuovo a viaggi in terre lontane per il piacere di poter fare radio,
accompagnato dalla mia fedele amica la sfortuna:

in YEMEN, dopo soli 5 minuti di tx mi trovai "gentilmente" accompagnato
nelle patrie galere; a Lampedusa, il giorno prima del contest, il team, dopo
aver lavorato per allestire le varie antenne da utilizzare per il CQWWDX
SSB, vede il proprio lavoro vanificato da una violenta tromba d'aria; in
ETIOPIA addirittura il traliccio scomparve nel nulla restando senza antenne
a pochi minuti dal contest; dulcis in fundo in MARTINICA i cavi furono
tagliati e le antenne "gentilmente" appoggiate per terra.

Ad ogni difficoltà comunque abbiamo reagito positivamente rendendo operative
le stazioni in tempi che definirei quasi da record ottenendo ottimi
piazzamenti.

Quando a settembre ho iniziato a preparare il mio viaggio in SUDAN speravo
che, visto il bagaglio "culturale" accumulato, le cose potessero andare
finalmente per il verso migliore.

Licenza ottenuta senza particolari problemi riuscendo ad aprire le porte di
questo paese a molti OM (come verificatosi con le varie spedizioni),
iniziavo da subito a studiare e realizzare l'antenna (rigorosamente cubica
come nel resto dei miei viaggi) che mi avesse permesso di poter lavorare il
maggior numero di bande possibili garantendomi il massimo della resa.

Il giorno prima della mia partenza il tutto era stato accuratamente
preparato ed organizzato: una valigia in cui trovava posto un rotore
completo, 4 croci in alluminio, 100 mt. di cavo coassiale RG-213, tutti i
fili già precedentemente preparati per la cubica ed i dipoli più cavi vari.
Nella seconda valigia l'alimentatore switching, un ICOM IC-706 (da
utilizzare come radio di riserva), un commutatore coassiale per la cubica,
il boom, l'analizzatore MFJ259B, connettori, saldatori ecc..

Arriviamo ora al bagaglio a mano: il mio mitico ICOM IC756-PROII, log e una
piccola cartoleria in caso di necessità HI HI HI: il tutto per il modico
peso di 90 Kg !!

Alle ore 03:00 IV3ZXQ Maurizio con gli occhi assonnati, mi accompagnava
all'aeroporto di Venezia dove dovevo cercare di arrivare all'ultimo momento
per effettuare un imbarco d'urgenza evitando di dover pagare il dazio (come
già successo nei precedenti viaggi).

Il giochino purtroppo questa volta non ha funzionato: dopo aver trattato con
il personale di terra, riuscii a cavarmela con SOLI 750 ¥. Anziché i 20¥/Kg
sotto gli occhi attoniti di Maurizio che, custode dei due RTX, vagava per
l'aeroporto cercando di "eludere" il controllo di sicurezza previsto per i
bagagli.

Consegnate le chiavi della mia macchina a Maurizio, iniziava il mio viaggio
verso Kartun dove atterravo alle 22:00 locali.

Il "benvenuto" in terra straniera mi fu dato dall'addetto doganale che mi
comunicava che avrei potuto ritirare tutti i miei bagagli solo il giorno
dopo in quanto contenenti materiale elettronico.

Dopo essermi recato al Ministero delle Poste per il ritiro della licenza e
le relative carte per lo sdoganamento dei miei bagagli, tornavo
all'aeroporto per ritirare le valigie: l'operazione si concluse alle ore
16:00 locali.

Rientrato velocemente in casa, iniziavo immediatamente la costruzione di un
piccolo traliccio di 12 mt. con canne di bambù per il sostegno dei dipoli
40/80/160 mt.

Ore 20:00

Quando pensavo di essere in dirittura d'arrivo per le prime antenne, mi si
bruciò lo stagnatore costringendomi ad utilizzarne uno di fortuna.
L'importante però era che, dopo una veloce doccia, sarei riuscito a lanciare
il primo CQ..Ahime però non mi ero ancora accorto dell'arrivo della mia
solita compagna di viaggio: non riuscii ad accendere la radio in quanto
l'alimentatore era entrato in sciopero! : problemi di rete.

Riuscii a reperire uno stabilizzatore convincendo l'alimentatore a rivedere
la sua posizione...

Armato di carta e penna, per ovviare al problema del pc che aveva seguito la
stessa strada dell'alimentatore, finalmente potevo dare il via alle
operazione: "CQ from ST2CF ST2CF.QRZ"

UR0HO fu il primo qso ad essere inserito in log seguito da varie stazioni
JA.

Immediatamente la prima delusione, purtroppo da un collega (??) italiano
I2ZGC Gianni, che insistentemente ripeteva in frequenza di spostarmi in
quanto impegnato nel suo NET CONTROL serale; la serata si concluse con mille
qso in log.

Il giorno seguente cominciai i lavori per la costruzione della cubica
spostando il dipolo in direzione Europa, avendo dato appuntamento agli amici
dei 160 mt. VE1ZZ, IV3PRK e UN4UN ecc..; naturalmente continua la sfortuna :
tutto il giorno senza corrente alternando 30 minuti di lavoro e 30 di radio
cercando nello shack un po' di refrigerio visti i 40°C e più gradi di
temperatura costanti.

Già in serata, essendo l'antenna pronta, potevo finalmente dare inizio alle
"vere" operazioni. Avendo dato la "serata libera" alla mia compagna
sventura, fiducioso iniziavo le trasmissioni in 40 mt. trovando subito un
altro "caro" collega IT9KSS che continuava ripetutamente a chiamare mentre
stavo dando la possibilità alle stazioni JA di collegarmi approfittando
della buona propagazione verso est: per tutto ringraziamento ci fu un bel
"..vaff....": inauguravo così la "BLACK LIST" chiudendo, veramente
demoralizzato da questi comportamenti, la serata.

Di buon ora mi preparai per lavorare i 160 mt. senza accorgermi che la mia
"compagna" era rientrata: l'antenna mi era stata rubata !!

Malgrado tutto, a due giorni dal contest, riuscivo a mettere in log 25.000
qso raggiungendo una velocità di 9-10 qso/minuto e la punta di 420 qso/ora:
per fortuna che i controlli di velocità non sono così severi come da noi!
collegando, con grande soddisfazione, I4EAT, KL7RA, VE1ZZ, UN4UN...

Un paio di ore di riposo (meritato!!) e si inizia il WPX Singola Banda 10
mt. senza propagazione ma con 3000 qso in log.

Le operazioni finirono nella giornata di martedì con un totale di 30.000 qso
e grande soddisfazione.

Un ringraziamento a tutti i colleghi per l'aiuto morale e per il supporto
(IV3DBU, IV3ZIZ, IV3ZXQ, IV3SKB, IV3WMI), ai colleghi JA e USA per la
professionalità dimostratami nei pile-up.

CU the next year from.....

PS: Sono in preparazione spedizioni da FM (THE PORDENONE GANSTERS), TL ed
una nuova tappa a 9E1C nella speranza che il modus operandi di certi
colleghi italiani si allinei con quello che dovrebbe accomunarci:
corsaro
2006-05-11 06:49:00 UTC
Post by turbolento
sventura, fiducioso iniziavo le trasmissioni in 40 mt. trovando subito un
altro "caro" collega IT9KSS che continuava ripetutamente a chiamare mentre
stavo dando la possibilità alle stazioni JA di collegarmi approfittando
Ma cosa ti costava rispondergli?
Dario
2006-05-11 07:33:32 UTC
Post by turbolento
Non sono nuovo a viaggi in terre lontane per il piacere di poter fare
in YEMEN, dopo soli 5 minuti di tx mi trovai "gentilmente" accompagnato
nelle patrie galere; a Lampedusa, il giorno prima del contest, il team,
dopo aver lavorato per allestire le varie antenne da utilizzare per il
CQWWDX SSB, vede il proprio lavoro vanificato da una violenta tromba
d'aria; in ETIOPIA addirittura il traliccio scomparve nel nulla restando
senza antenne a pochi minuti dal contest; dulcis in fundo in MARTINICA i
cavi furono tagliati e le antenne "gentilmente" appoggiate per terra.
cut

per la prossima spedition, passate prima da un vescovo a fatevi benedire
tutti e tutto (antenne comprese :-))
ik2nbv
2006-05-11 08:28:21 UTC
Post by turbolento
Non sono nuovo a viaggi in terre lontane per il piacere di poter fare radio,
Mi chiedo chi te lo fa fare ... quando viaggio in terre lontane la radio la
lascio a casa e mi porto l'amica in carne ed ossa. :-)
--
Ciao

nonbevovino

***@ik2nbv.ilom.ita.eu

IK2NBV-8 Milano JN45OK

144.950 1200 Baud
432.650 9600 Baud
1291.500 1200 Baud
1297.300 38400 Baud
i7phh
2006-05-15 08:32:36 UTC
Post by ik2nbv
Mi chiedo chi te lo fa fare ... quando viaggio in terre lontane la radio
la lascio a casa e mi porto l'amica in carne ed ossa. :-)
Ti rispondo io :-)))
quanto dici è la differenza tra un radioamatore ed un amatore... :-)))
le amiche ne trovi quante ne vuoi, anche senza andare in terre lontane,
l'adrenalina della spedizione in terre rare è tutta un'altra cosa :-))))
L'una non esclude comunque l'altra...... :-))))

73
Gianni
i7phh
IZ5CML
2006-05-15 09:24:26 UTC
"L'una non esclude comunque l'altra...... :-)))) "

Confermo passo !! ;)
Emiliano DG
2006-05-15 11:16:05 UTC
Post by i7phh
Post by ik2nbv
Mi chiedo chi te lo fa fare ... quando viaggio in terre lontane la radio
la lascio a casa e mi porto l'amica in carne ed ossa. :-)
Ti rispondo io :-)))
quanto dici è la differenza tra un radioamatore ed un amatore... :-)))
le amiche ne trovi quante ne vuoi, anche senza andare in terre lontane,
l'adrenalina della spedizione in terre rare è tutta un'altra cosa :-))))
L'una non esclude comunque l'altra...... :-))))
Quando avrò l'esperienza necessaria partirò anche io...
Ma dubito che riuscirò a chiamare CQ se ci sarà la mia compagna vicino
!
Post by i7phh
73
Gianni
i7phh
i7phh
2006-05-15 14:15:15 UTC
Post by Emiliano DG
Quando avrò l'esperienza necessaria partirò anche io...
Ma dubito che riuscirò a chiamare CQ se ci sarà la mia compagna vicino
Tu prima accontenta....... la tua compagna......... e dopo chiama CQ
:-)))))))

73
Gianni
i7phh

Sys Ad.
2006-05-11 10:12:34 UTC
Tutto questo per affermare cosa? Due messaggi uguali inviati da due nick
name differenti per quale fine?
Emiliano DG
2006-05-11 12:58:36 UTC
On Thu, 11 May 2006 10:12:34 GMT, "Sys Ad." <***@none.com> wrote:


A me è piaciuto molto leggere... se non altro ho trascorso 3 minuti
bene.
Post by Sys Ad.
Tutto questo per affermare cosa? Due messaggi uguali inviati da due nick
name differenti per quale fine?